8 marzo, donne di tutti i giorni….

donnePer questo 8 marzo la RAI ci propone uno spot che celebra donne che hanno cambiato la storia con e loro azioni, donne di successo.

Pensando al territorio in cui opero voglio guardare alle tante donne che, ogni giorno nel silenzio, lottano per cambiare qualcosa che non va, per affermare se stesse e i loro diritti di donne, madri e lavoratrici.

Penso a Luisa che, con un bimbo di pochi mesi, aveva deciso di licenziarsi perché l’azienda le proponeva, al rientro dalla maternità, una sede di lavoro a più di 100 km. da casa e che, oggi, è al lavoro nella sua città senza aver dovuto rinunciare ai suoi diritti.

Penso a Maria che continuava a vedersi scavalcare dai colleghi maschi nel riavvicinarsi a casa perché le sue “assenze” per assistere i figli e i genitori anziani le facevano perdere punteggio…..ma un intervento mirato ha finalmente sbloccato la situazione.

Penso a Claudia, offesa e brutalmente picchiata al padre dei suoi figli, che in una rete di solidarietà tutta al femminile ha ritrovato il conforto, una casa e un onesto lavoro in attesa che un Tribunale si pronunci.

Penso a Giovanna, libera professionista ed indipendente, che vedeva passare tutti gli incarichi di prestigio ai colleghi uomini e che ha avuto la forza di dire basta.

Penso a Rita, giovane mamma in difficoltà, che si è vista offrire, dall’ex datore di lavoro, regali e compensi economici se avesse accettato di soddisfare le sue voglie e che, invece, ha scelto di denunciare.

Penso a Giuliana che, per anni senza avere risposta, ha chiesto di poter fare il turno notturno per poter guadagnare qualcosa di più ed evitare di fare un doppio lavoro per mantenere la figlia agli studi mentre i colleghi di fabbrica continuavano ad impedirglielo in modo pretestuoso per poter continuare a spartirsi la torta indisturbati.

Penso alle sessanta operaie di una camiceria che, in questi giorni, stanno perdendo il loro posto di lavoro.

Penso a tutte le donne che hanno bussato alla mia porta: stanche, avvilite, demotivate e provate dai continui rifiuti. Che si sono rivolte a me come l’ultima spiaggia e, insieme, siamo riuscite a costruire delle risposte che restituissero loro la dignità.

A chi chiede se l’8 marzo abbia ancora un senso chiedo di guardare alle donne, a tutte le donne, e leggere la sofferenza che traspare ancora dagli occhi di troppe di loro.

 

 

Annunci

Informazioni su vice Consigliera di Parità Regione Marche

Paola Petrucci è nata ad Ascoli Piceno il 2 maggio 1962, coniugata con un figlio, è da sempre attiva nel mondo del volontariato, dell'educazione e della promozione sociale. Ha frequentato l'Istituto Tecnico per Geometri ed è stata iscritta all'Albo dei Geometri dal 1981 al 2011 svolgendo, tra l'altro, la libera professione. Pur non essendosi mai iscritta all'Università ha frequentato master sulle tematiche del marketing, dell'innovazione e della gestione d'impresa. Tra il 1981 ed il 1995 ha gestito l'impresa edile di famiglia occupandosi prevalentemente delle relazioni con la committenza, del marketing relazionale e dell'organizzazione generale. Nel 1995 ha iniziato a svolgere l'attività di consulente e formatore delle aree: dinamiche di gruppo, tecniche di organizzazione, creazione d'impresa, motivazioni imprenditoriali anche in ottica di genere, tecniche di autoimprenditorialità, marketing di se' e bilanciamento delle competenze partecipando a numerosi progetti sia per Enti Privati che per Enti Pubblici. Tra il 1995 ed il 2008 è stata amministratrice e responsabile di progetto della società Sorelle Petrucci snc con la quale erogava servizi a favore di Enti Pubblici e Privati per il sostegno delle attività imprenditoriali, unitamente alle sorelle. Tra il 1989 ed il 1997 ha ricoperto diversi ruoli istituzionali in seno a Confindustria sia per la Provincia di Ascoli Piceno (Presidente dei Giovani Imprenditori e vice Presidente della stessa Confindustria Provinciale) che a livello regionale quale vice Presidente regionale dei Giovani Imprenditori delle Marche oltre a ruoli tecnici e di supporto in Commissioni Nazionali in seno ai Giovani Imprenditori di Confindustria. Dal 1996 è componente della Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Ascoli Piceno dove ha svolto il ruolo di vice Presidente e di coordinatrice dei gruppi di lavoro sulle tematiche inerenti l'impresa, il lavoro e la formazione. Dal 2001 ricopre il ruolo tecnico di Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno e, dal 2011, quello Consigliera di Parità per la Regione Marche. Nel 2014/2016 ha partecipato al gruppo di coordinamento nazionale degli Stati Generali delle donne come responsabile dei percorsi sul passaggio generazionale e degli Stati generali delle donne delle Marche. Ha collaborato alla redazione di diverse pubblicazioni e, ad ottobre 2015, ha pubblicato un breve saggio dal titolo Chi ha paura del gender? Dal 2016 è la Leader della Rete al femminile di Ascoli Piceno.
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 8 marzo, donne di tutti i giorni….

  1. celia pariona vergaray ha detto:

    brava donna delle istituzioni per le donne Celia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...