Vecchi stereotipi e nuovi sviluppi

11800005_10207217721067112_8757817452108793557_nLa Regione Marche sta lavorando, nell’ambito degli obiettivi condivisi della Macroregione adriatica, allo sviluppo virtuoso dell’imprenditoria che valorizza le differenze culturali e territoriali convertendole in risorse.

Una peculiarità del nostro tessuto imprenditoriale è data dal modello marchigiano lungamente studiato, un modello di capitalismo familiare nato tra piccoli imprenditori manifatturieri e metalmeccanici che, anche nella seconda generazione, continuavano a coltivare le terre a cui erano fortemente legati.

Si aggiunge che la struttura gestionale delle campagne marchigiane era basata sul matriarcato e la figura della vergata che deteneva le chiave della dispensa e gestiva le risorse del nucleo familiare.

  • Leggendo il passato, quali erano e sono le attività gestite dalle donne?
  • Anche il modello marchigiano è in crisi: che cosa non funziona più?
  • Quali possono essere i nuovi modelli culturali e territoriali da costruire?

Proviamo a costruire nuovi percorsi di lettura, cambiando la prospettiva di lettura ed utilizzando un punto di vista di genere.

Valorizzare e leggere l’esperienza

È indispensabile ricostruire i ruoli e le figure femminili in relazione al contesto socio-economico e storico-culturale nella prima metà del secolo appena trascorso.

Indagando, con rilevazioni statistiche, le attività intraprese nel tempo dalle donne e contestualizzandole sarà possibile comprenderne le motivazioni e le vocazioni.

Tale indagine, da svolgere nei diversi territori, potrà contribuire ad individuare le vocazioni culturali ed economici degli stessi.

Passaggio generazionale

Molto si è lavorato su questa tematica che ha evidenziato le carenze nella fase di passaggio tra la seconda e la terza generazione d’imprenditori.

Nel piano integrato lavoro e attività produttive della Regione Marche ho fatto inserire, là dove si parla di sostegno al ricambio generazionale, la seguente frase <promuovendo l’Imprenditoria anche in un’ottica di genere e di lettura in ottica di genere anche di ricambio generazionale “di padre in figlia” o “di madre in figlio”> (ob.1 ob. Operativo 2).

È necessario indagare le motivazioni per cui, troppo spesso ancora, viene preferito il figlio maschio nella gestione dell’impresa di famiglia e perché, mentre le donne svolgono lavori maschili, ciò non avviene al contrario e gli uomini non scelgono d’intraprendere lavori tipicamente femminili.

Nuovi patti territoriali

Oltre alla costruzione in corso dei nuovi Distretti Industriali evoluti è urgente avviare nove “nuove alleanze” sul e con il territorio in un’ottica di coopetizione sistematica per lo sviluppo strategico.

Si propone la realizzazione di un patto per la condivisione e valorizzazione locale individuando territori campione ove avviare una mappatura sistematica dei bisogni e delle risorse attivando sinergie tra pubblico e privato per un nuovo modello di sviluppo sociale ed economico in un’ottica di mutuo auto aiuto.

 

 

Annunci

Informazioni su vice Consigliera di Parità Regione Marche

Paola Petrucci è nata ad Ascoli Piceno il 2 maggio 1962, coniugata con un figlio, è da sempre attiva nel mondo del volontariato, dell'educazione e della promozione sociale. Ha frequentato l'Istituto Tecnico per Geometri ed è stata iscritta all'Albo dei Geometri dal 1981 al 2011 svolgendo, tra l'altro, la libera professione. Pur non essendosi mai iscritta all'Università ha frequentato master sulle tematiche del marketing, dell'innovazione e della gestione d'impresa. Tra il 1981 ed il 1995 ha gestito l'impresa edile di famiglia occupandosi prevalentemente delle relazioni con la committenza, del marketing relazionale e dell'organizzazione generale. Nel 1995 ha iniziato a svolgere l'attività di consulente e formatore delle aree: dinamiche di gruppo, tecniche di organizzazione, creazione d'impresa, motivazioni imprenditoriali anche in ottica di genere, tecniche di autoimprenditorialità, marketing di se' e bilanciamento delle competenze partecipando a numerosi progetti sia per Enti Privati che per Enti Pubblici. Tra il 1995 ed il 2008 è stata amministratrice e responsabile di progetto della società Sorelle Petrucci snc con la quale erogava servizi a favore di Enti Pubblici e Privati per il sostegno delle attività imprenditoriali, unitamente alle sorelle. Tra il 1989 ed il 1997 ha ricoperto diversi ruoli istituzionali in seno a Confindustria sia per la Provincia di Ascoli Piceno (Presidente dei Giovani Imprenditori e vice Presidente della stessa Confindustria Provinciale) che a livello regionale quale vice Presidente regionale dei Giovani Imprenditori delle Marche oltre a ruoli tecnici e di supporto in Commissioni Nazionali in seno ai Giovani Imprenditori di Confindustria. Dal 1996 è componente della Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Ascoli Piceno dove ha svolto il ruolo di vice Presidente e di coordinatrice dei gruppi di lavoro sulle tematiche inerenti l'impresa, il lavoro e la formazione. Dal 2001 ricopre il ruolo tecnico di Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno e, dal 2011, quello Consigliera di Parità per la Regione Marche. Nel 2014/2016 ha partecipato al gruppo di coordinamento nazionale degli Stati Generali delle donne come responsabile dei percorsi sul passaggio generazionale e degli Stati generali delle donne delle Marche. Ha collaborato alla redazione di diverse pubblicazioni e, ad ottobre 2015, ha pubblicato un breve saggio dal titolo Chi ha paura del gender? Dal 2016 è la Leader della Rete al femminile di Ascoli Piceno.
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...