Il Convegno nazionale di Toponomastica Femminile

Sono onorata di portare i miei saluti, quale Consigliera di Parità, al Convegno Nazionale di Toponomastica femminile (6 e 7 ottobre 2012 c/o Casa Internazionale delle Donne – Roma).

Devo ringraziare Pina Loreti che circa sette mesi fa m ha iscritto al gruppo di FaceBook che oggi conta più di 4.000 iscritti e che cito sempre quale esempio dell’utilizzo intelligente di FaceBook.

Sono fermamente convinta che l’indifferenza sia una potentissima arma infatti restare indifferenti difronte alle competenze di qualcuno significa ridurre all’anonimato, cancellare.

Se vogliamo far del male a qualcuno, farlo scomparire e sminuire il dobbiamo mostrare indifferenza……

Rimanendo indifferenti nei confronti delle donne che costruiscono la storia del nostro paese le cancelliamo, cancelliamo oltre il 50% della nostra storia….ciò che non viene nominato non esiste!

Per questo ritengo che l’impegno del gruppo di Toponomastica Femminile rappresenta una grande azione positiva e concreta per restituire visibilità e contribuire ad una consapevolezza sulle reali potenzialità che donne ed uomini esercitano nello sviluppo della società.

Come Consigliera di Parità è dal 2001 che lavoro sul territorio per la diffusione della cultura della parità e ritengo che ogni occasione debba essere colta al volo per poter interloquire con le istituzioni che governano il territorio ed essere propositivi.

Anche per questo motivo ho dato subito la mia disponibilità sia come Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno che come Consigliera di Parità per le Marche per il reperimento degli stradari e la sensibilizzazione dei Comuni.

Infine, guardando alle storie delle donne studiate dal progetto di Toponomastica femminile non posso evitare di soffermarmi ad immaginare la battaglia che ciascuna ha dovuto combattere per conciliare i valori di cui è portatrice……

Un tempo era la famiglia allargata (penso soprattutto alle nonne) a sostenere queste donne nelle attività di cura e di conciliazione, ora – che i tempi del lavoro e delle famiglie si sono allungati – sono altre le figure di sostegno alle donne…..

Certamente possiamo affermare che dietro ogni grande donna…c’è un’altra grande donna!

Annunci

Informazioni su vice Consigliera di Parità Regione Marche

Paola Petrucci è nata ad Ascoli Piceno il 2 maggio 1962, coniugata con un figlio, è da sempre attiva nel mondo del volontariato, dell'educazione e della promozione sociale. Ha frequentato l'Istituto Tecnico per Geometri ed è stata iscritta all'Albo dei Geometri dal 1981 al 2011 svolgendo, tra l'altro, la libera professione. Pur non essendosi mai iscritta all'Università ha frequentato master sulle tematiche del marketing, dell'innovazione e della gestione d'impresa. Tra il 1981 ed il 1995 ha gestito l'impresa edile di famiglia occupandosi prevalentemente delle relazioni con la committenza, del marketing relazionale e dell'organizzazione generale. Nel 1995 ha iniziato a svolgere l'attività di consulente e formatore delle aree: dinamiche di gruppo, tecniche di organizzazione, creazione d'impresa, motivazioni imprenditoriali anche in ottica di genere, tecniche di autoimprenditorialità, marketing di se' e bilanciamento delle competenze partecipando a numerosi progetti sia per Enti Privati che per Enti Pubblici. Tra il 1995 ed il 2008 è stata amministratrice e responsabile di progetto della società Sorelle Petrucci snc con la quale erogava servizi a favore di Enti Pubblici e Privati per il sostegno delle attività imprenditoriali, unitamente alle sorelle. Tra il 1989 ed il 1997 ha ricoperto diversi ruoli istituzionali in seno a Confindustria sia per la Provincia di Ascoli Piceno (Presidente dei Giovani Imprenditori e vice Presidente della stessa Confindustria Provinciale) che a livello regionale quale vice Presidente regionale dei Giovani Imprenditori delle Marche oltre a ruoli tecnici e di supporto in Commissioni Nazionali in seno ai Giovani Imprenditori di Confindustria. Dal 1996 è componente della Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Ascoli Piceno dove ha svolto il ruolo di vice Presidente e di coordinatrice dei gruppi di lavoro sulle tematiche inerenti l'impresa, il lavoro e la formazione. Dal 2001 ricopre il ruolo tecnico di Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno e, dal 2011, quello Consigliera di Parità per la Regione Marche. Nel 2014/2016 ha partecipato al gruppo di coordinamento nazionale degli Stati Generali delle donne come responsabile dei percorsi sul passaggio generazionale e degli Stati generali delle donne delle Marche. Ha collaborato alla redazione di diverse pubblicazioni e, ad ottobre 2015, ha pubblicato un breve saggio dal titolo Chi ha paura del gender? Dal 2016 è la Leader della Rete al femminile di Ascoli Piceno.
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il Convegno nazionale di Toponomastica Femminile

  1. Bella idea, quaggiù, nella Città sulla Costa, non possiamo dire di avere grandi problemi, c’è tutta una zona (alle spalle del lungomare dal Las Vegas verso sud) dedicato alle donne, letterate per lo più, ma anche ad alcune eroine del Risorgimento, come Clara Maffei! 🙂
    Mi informo meglio! Magari ne esce un post anche da me! 🙂

    Ciao, Fior

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...