Lavoro donne e stereotipi

Il binomio donna e lavoro è fonte di continui interrogativi e statistiche.

Dal Rapporto sulla Coesione Sociale 2011 – Analisi di genere presentato lunedì a Roma alle Consigliere di Parità e alle Parti Sociali emergono una serie di dati interessanti.

Il numero medio di figli per donna si attesta a 1,41, con valori pari a 2,23 per le donne straniere e a 1,31 per quelle italiane e questo si traduce nel dato che la popolazione italiana cresce solo grazie ai bambini stranieri.

Il tasso di occupazione è pari a 56,9% con un differenziale di genere piuttosto elevato (46,1% donne e 67,7% uomini).

Il tasso di inattività, cioè la quota di non forza lavoro in età attiva sul totale della popolazione 15-64 anni, è pari a 37,8%, le donne inattive rappresentano circa il 49% del totale, sono troppe le donne che hanno smesso di cercare un lavoro.

Questi dati, incrociati su quelli relativi all’occupazione (divisi per tipologie di contratto) e disaggregati per genere si evidenzia come le nascite sono inversamente proporzionali al reddito ed alla precarietà del posto di lavoro.

Osservando i dati sui congedi parentali facoltativi si evidenzia che questi continuano ad essere prevalentemente ad appannaggio delle mamme che rimangono a casa per accudire i figli.

Nella coppia continuano ad essere le donne ad occuparsi dei figli e, nel totale, sono quelle che dedicano maggior tempo agli altri e meno a se stesse.

Quando ero ancora intenta a leggere e confrontare i dati del rapporto riflettendo su quanto ci sia ancora da fare per sostenere il lavoro delle donne mi sono violentemente scontrata con il fatto che, in questi giorni, si festeggiano le mamme.

Mi sono imbattuta prima in questa poesia “Rallenta mamma, non c’è bisogno di correre, rallenta mamma, qual’è il problema? Rallenta mamma, concediti una tazza di caffè, rallenta mamma, vieni e stai un po’ con me. Rallenta, mamma, mettiamoci gli stivali e andiamo a fare una passeggiata raccogliamo le foglie, sorridiamo, ridiamo, parliamo. Rallenta mamma, sembri cosi stanca, vieni, accoccoliamoci sotto le coperte, riposa insieme a me. Rallenta mamma, quei piatti sporchi possono aspettare, rallenta mamma, dai divertiamoci – facciamo una torta! Rallenta mamma, lo so che lavori tanto ma a volte, mamma, è bello quando semplicemente ti fermi per un po’. Siediti con noi un minuto, ascolta com’è andata la nostra giornata, trascorri con noi qualche momento in allegria, perché la nostra infanzia non rallenterà!

Indubbiamente struggente e vera nella richiesta di attenzioni necessarie da dare ai figli ma amara riflettendo sui ruoli all’interno delle famiglie e sulla loro condivisione.

Mi sono domandata perché mai le poesie per la festa del papà non hanno questi toni accorati e troppo spesso inneggiamo ai padri come a dei supereroi.

Non mi ero ancora ripresa da questi pensieri quando ho raccolto il racconto di un “lavoretto” riportato a casa da una bambina di prima elementare: un biglietto con da una parte disegnata una donna tutta spettinata, in tuta  con il titolo “ mamma durante la settimana” e, dall’altra, la stessa vestita da principessa e il titolo “mamma nel fine settimana”. Quello che soprattutto mi ha colpito è stato il commento della mamma in questione “a me accade il contrario (tuta, pulizie ecc… il fine settimana)!!”

A questo punto mi domando dov’è l’inghippo, che cosa non funziona nella comunicazione.

Com’è possibile che una bambina di sei anni possa aver travisato così la quotidianità?

Chi è l’autore del “lavoretto”?

Quanti stereotipi dobbiamo ancora abbattere!

Annunci

Informazioni su vice Consigliera di Parità Regione Marche

Paola Petrucci è nata ad Ascoli Piceno il 2 maggio 1962, coniugata con un figlio, è da sempre attiva nel mondo del volontariato, dell'educazione e della promozione sociale. Ha frequentato l'Istituto Tecnico per Geometri ed è stata iscritta all'Albo dei Geometri dal 1981 al 2011 svolgendo, tra l'altro, la libera professione. Pur non essendosi mai iscritta all'Università ha frequentato master sulle tematiche del marketing, dell'innovazione e della gestione d'impresa. Tra il 1981 ed il 1995 ha gestito l'impresa edile di famiglia occupandosi prevalentemente delle relazioni con la committenza, del marketing relazionale e dell'organizzazione generale. Nel 1995 ha iniziato a svolgere l'attività di consulente e formatore delle aree: dinamiche di gruppo, tecniche di organizzazione, creazione d'impresa, motivazioni imprenditoriali anche in ottica di genere, tecniche di autoimprenditorialità, marketing di se' e bilanciamento delle competenze partecipando a numerosi progetti sia per Enti Privati che per Enti Pubblici. Tra il 1995 ed il 2008 è stata amministratrice e responsabile di progetto della società Sorelle Petrucci snc con la quale erogava servizi a favore di Enti Pubblici e Privati per il sostegno delle attività imprenditoriali, unitamente alle sorelle. Tra il 1989 ed il 1997 ha ricoperto diversi ruoli istituzionali in seno a Confindustria sia per la Provincia di Ascoli Piceno (Presidente dei Giovani Imprenditori e vice Presidente della stessa Confindustria Provinciale) che a livello regionale quale vice Presidente regionale dei Giovani Imprenditori delle Marche oltre a ruoli tecnici e di supporto in Commissioni Nazionali in seno ai Giovani Imprenditori di Confindustria. Dal 1996 è componente della Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Ascoli Piceno dove ha svolto il ruolo di vice Presidente e di coordinatrice dei gruppi di lavoro sulle tematiche inerenti l'impresa, il lavoro e la formazione. Dal 2001 ricopre il ruolo tecnico di Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno e, dal 2011, quello Consigliera di Parità per la Regione Marche. Nel 2014/2016 ha partecipato al gruppo di coordinamento nazionale degli Stati Generali delle donne come responsabile dei percorsi sul passaggio generazionale e degli Stati generali delle donne delle Marche. Ha collaborato alla redazione di diverse pubblicazioni e, ad ottobre 2015, ha pubblicato un breve saggio dal titolo Chi ha paura del gender? Dal 2016 è la Leader della Rete al femminile di Ascoli Piceno.
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...