188 donne per la Legge 188 – Le Consigliere di Parità ci sono!

Il 23  febbraio 2012 avverrà, in tutte Prefetture d’Italia, una delegazione di donne consegnerà ai Prefetti, una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, ai Presidenti di Camera e Senato, al Ministro del Lavoro e a tutte le Parlamentari nella quale viene richiesto un intervento legislativo urgente ed efficace per combattere il fenomeno.

Nella Provincia di Ascoli Piceno hanno sostengono l’iniziativa, oltre alla Consigliera di Parità, le principali organizzazioni sindacali,  alcuni partiti politici nonché i Comitati “Senonoraquando” di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto.

Secondo questa pratica illegale ma purtroppo assai diffusa, il dipendente firma una lettera di dimissioni senza data al momento dell’assunzione: in qualunque momento può essere obbligato dal datore di lavoro ad andarsene e, pur essendo nella realtà licenziato, il lavoratore figura come dimissionario e non può pertanto aver diritto, per esempio, ad indennità di disoccupazione o ad altri ammortizzatori sociali.

Un ricatto al quale molti lavoratori devono sottostare pur di avere un lavoro!

La legge 188 del 2007 introduceva dei meccanismi procedurali che di fatto vanificavano la possibilità di apporre firme in bianco di pre- licenziamento al momento dell’assunzione ma ebbe breve durata poiché su abrogata in sordina nell’estate del 2008.

Vittime di questo abuso sono soprattutto le donne-mamme: tra le cause principali per essere “dimissionati” vi è infatti proprio la nascita di un figlio, in aggiunta a motivazioni quali l’età, il sopraggiungere di una malattia e i rapporti col sindacato.

Un recente rapporto del CNEL evidenzia che tra le donne in età compresa tra i 25 e i 45 anni, dopo la nascita di un bambino il tasso di occupazione passa bruscamente dal 63% al 50%, per crollare ulteriormente dopo la nascita del secondo.

Secondo i dati della Direzione Regionale del Lavoro delle Marche, rielaborati dalla Cgil Marche, solo nel 2011, 620 lavoratrici si sono dimesse nel primo anno di vita del bambino.

Le Consigliere di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno sostengono la necessità di un intervento legislativo urgente ed efficace contro le cosiddette dimissioni in bianco.

In questa fase di riorganizzazione del mercato del lavoro è importante non abbassare la guardia e il ripristino della Legge 188 (o la realizzazione di un’analoga norma) rappresenta un atto di civiltà dovuto nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori.

Paola Petrucci, Consigliera di Parità effettiva per la Provincia di Ascoli Piceno                                  

Paola Casciati, Consigliera di Parità supplente per la Provincia di Ascoli Piceno 

Annunci

Informazioni su Paola Petrucci

Paola Petrucci è nata ad Ascoli Piceno il 2 maggio 1962, coniugata con un figlio, è da sempre attiva nel mondo del volontariato, dell'educazione e della promozione sociale. Ha frequentato l'Istituto Tecnico per Geometri ed è stata iscritta all'Albo dei Geometri dal 1981 al 2011 svolgendo, tra l'altro, la libera professione. Pur non essendosi mai iscritta all'Università ha frequentato master sulle tematiche del marketing, dell'innovazione e della gestione d'impresa. Tra il 1981 ed il 1995 ha gestito l'impresa edile di famiglia occupandosi prevalentemente delle relazioni con la committenza, del marketing relazionale e dell'organizzazione generale. Nel 1995 ha iniziato a svolgere l'attività di consulente e formatore delle aree: dinamiche di gruppo, tecniche di organizzazione, creazione d'impresa, motivazioni imprenditoriali anche in ottica di genere, tecniche di autoimprenditorialità, marketing di se' e bilanciamento delle competenze partecipando a numerosi progetti sia per Enti Privati che per Enti Pubblici. Tra il 1995 ed il 2008 è stata amministratrice e responsabile di progetto della società Sorelle Petrucci snc con la quale erogava servizi a favore di Enti Pubblici e Privati per il sostegno delle attività imprenditoriali, unitamente alle sorelle. Tra il 1989 ed il 1997 ha ricoperto diversi ruoli istituzionali in seno a Confindustria sia per la Provincia di Ascoli Piceno (Presidente dei Giovani Imprenditori e vice Presidente della stessa Confindustria Provinciale) che a livello regionale quale vice Presidente regionale dei Giovani Imprenditori delle Marche oltre a ruoli tecnici e di supporto in Commissioni Nazionali in seno ai Giovani Imprenditori di Confindustria. Dal 1996 è componente della Commissione per le Pari Opportunità della Provincia di Ascoli Piceno dove ha svolto il ruolo di vice Presidente e di coordinatrice dei gruppi di lavoro sulle tematiche inerenti l'impresa, il lavoro e la formazione. Dal 2001 ricopre il ruolo tecnico di Consigliera di Parità per la Provincia di Ascoli Piceno e, dal 2011, quello Consigliera di Parità per la Regione Marche. Nel 2014/2016 ha partecipato al gruppo di coordinamento nazionale degli Stati Generali delle donne come responsabile dei percorsi sul passaggio generazionale e degli Stati generali delle donne delle Marche. Ha collaborato alla redazione di diverse pubblicazioni e, ad ottobre 2015, ha pubblicato un breve saggio dal titolo Chi ha paura del gender? Dal 2016 è la Leader della Rete al femminile di Ascoli Piceno.
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a 188 donne per la Legge 188 – Le Consigliere di Parità ci sono!

  1. Pingback: Basta dimissioni in bianco! | retedelleconsiglierediparitadellemarche

  2. Pingback: Dimissioni in bianco, facciamo il punto | retedelleconsiglierediparitadellemarche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...